giovedì , 16 agosto 2018
News

Come diventare un Avvocato dello Stato. Il concorso e la domanda

L’Avvocatura Generale dello stato è un’istituzione dello Stato preposta alla difesa e alla tutela legale dei diritti e degli interessi dello Stato in sede civile, penale, amministrativa, comunitaria ed intenzionale di tutte le Pubbliche Amministrazioni.

Comprende 25 Avvocature Distrettuali aventi sede nei capoluoghi di Regione.

Diventare Avvocato dello Stato

Il Procuratore Generale dello Stato è il primo grado di accesso alla carriera dell’avvocatura statale, equivalente all’Uditore Giudiziario della magistratura ordinaria.

L’avvocato oltre a svolgere l’attività contenziosa ha il compito di difendere e rappresentare in giudizio la Pubblica amministrazione. Inoltre, svolge attività consultiva in tutte le materie.

L’ordinamento italiano prevede, a differenza dei sistemi presenti negli altri paesi, che la difesa della PA avvenga mediante giuristi specializzati che abbiano come obiettivo primario la promozione di una controversia giudiziaria con una considerazione unitaria degli interessi dello Stato, che possono trascendere l’esito della singola causa.

L’allargamento del patrocinio, ammettendo altre amministrazioni, può avvenire con disposizioni di legge o regolamento, o singoli decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, e possono riguardare soggetti pubblici non statali o enti sovvenzionati, o amministrazioni estere (come le rappresentanze diplomatiche) e organizzazioni internazionali.

Inoltra, in caso di richiesta delle amministrazioni o gli enti patrocinati l’Avvocatura dello Stato può rappresentare e difendere i dipendenti nei giudizi civili e penali che li interessano per causa di servizio.

Il concorso come Avvocato dello Stato

Tra i requisiti di accesso al concorso è richiesta la Laurea in Giurisprudenza ed una età inferiore ai 35 anni.

Non possono partecipare al concorso coloro che non hanno raggiunto l’idoneità per due volte nei precedenti concorsi.

Il concorso prevede tre prove scritte ed una prova orale.

La prima prova scritta, da completare nel termine di 8 ore, prevede lo svolgimento di un elaborato teorico-pratico di diritto privato e/o di diritto processuale civile; la seconda di diritto penale o/e procedura; la terza di diritto amministrativo sostanziale e/o processuale.

La prova riguarda inoltre Diritto Costituzionale internazionale, privato, comunitario, tributario, lavoro ed elementi di informatica giuridica.

Durante le prove sarà possibile consultare codici, leggi e decreti dello Stato, il Corpus Iuris e le Istituzioni di Gaio, in edizione senza note o, quanto ai testi latini, con semplici annotazioni relative a varianti di lezioni.

I testi dovranno in ogni caso essere presentati il giorno prima secondo le indicazioni contenute nell’avviso che verrà pubblicato l’8 maggio 2012 in Gazzetta Ufficiale contenente, inoltre, data e luogo delle prove.

Link

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>